In COLORE

L’Analisi del Colore in Via Col Vento

 

Le prime consulenti di immagine sono state le costumiste della vecchia Hollywood.

L’avvento del colore al cinema alla fine degli anni ’30 ha dato l’avvio a studi approfonditi, fino allo sviluppo appunto del primo sistema di Analisi del Colore stagionale.

È sorprendente rivedere vecchi film e notare come ad ogni personaggio sia assegnata una palette cromatica, in grado di renderlo più bello e più forte. O, all’occorrenza, più sciupato e più debole.

Oggi analizziamo l’uso del colore in Via col Vento (1939), partendo proprio dalla protagonista:

 

ROSSELLA O’HARA

I colori di Rossella (o, meglio, dell’attrice Vivien Leigh) sono freddi e intensi.

Il colore più ricorrente e rappresentativo di questo personaggio, è senz’altro il VERDE: brillante, forte e volubile.

 

Ma non mancano nella palette di Rossella i ROSSI, anche questi nelle tonalità più fredde e profonde.

Questo colore accende le scene più intense e passionali

 

Ed è anche il colore della seduzione. Che dire di questo rosso PORPORA indossato da Rossella per il compleanno di Ashley?

Ovviamente si tratta sempre di rossi freddi, con una punta di blu, in armonia con il sottotono della protagonista.

 

Un altro filone cromatico è appunto quello del BLU, ben rappresentativo della palette dell’attrice.

Eccolo dunque in tutte le sue sfumature: da quelle più vibranti, che esaltano la vivacità dello sguardo

 

… fino a quelle più profonde ed regali.

Persino nel ritratto della casa di Atlanta, Rossella indossa un colore in palette.

 

Particolarmente luminoso questo ACQUAMARINA: tecnicamente si tratta di una cromia tra il pastel aqua e l’icy green.

Rende perfettamente l’idea dell’umore fiero e raggiante della protagonista in questa famosa scena.

 

Ma la gamma dei colori forti e vibranti, non finisce qui.

Il tocco di GIALLO limone non manca nelle scene in cui Rossella appare particolarmente pungente e capricciosa.

 

In sintesi, usando il sistema stagionale dell’analisi del colore, possiamo dire che Rossella appartiene alla categoria “Inverno”.

Nessuno come lei regge bene il NERO

 

La forza della protagonista è ben rappresentata dall’intensità cromatica e rafforzata dall’uso di tessuti ricchi come il velluto.

Ma è molto interessante anche l’uso del CONTRASTO: oltre a rafforzare il personaggio, ne esalta la combinazione pelle chiara – capelli scuri.

 

Come dicevamo all’inizio, si può usare la leva cromatica anche per descrivere gli ASPETTI NEGATIVI.

Non a caso, i colori caldi (nemici per questo tipo di incarnato) vengono utilizzati nei momenti di guerra, malattia e povertà

 

MELANIA HAMILTON

L’antagonista di Rossella non ha colori molto diversi dai suoi: ci troviamo comunque di fronte a colori freddi.

Eppure per Olivia de Havilland in Via col Vento, è prevista una palette molto più delicata, che aiuta a definire un personaggio pacato e, a tratti, più debole e indifeso.

 

ASHLEY WILKES

È il grande amore non corrisposto, dalla personalità mite e malinconica.

Il fulvo Ashley è sempre in perfetta palette cromatica, con abiti e dettagli nei colori caldi e autunnali.

 

RHETT BUTLER

L’altro grande protagonista (il vero amore di Rossella) è lui: l’indimenticabile Clark Gable, forte e passionale.

I suoi colori freddi e intensi sono sempre esaltati da cromie molto profonde: dal grigio al nero, passando per il blu notte. Il tutto rafforzato dalle fantasie a contrasto.

 

Via col Vento è del 1939: la lista dei film in cui si apprezza un eccellente lavoro cromatico è ancora lunga e sicuramente vi proporrò altri esempi.

Nel frattempo, se vi affascina questo argomento, vi segnalo il mio corso di Armocromia: due giorni full immersion nello studio dell’analisi del colore.

Rossella Migliaccio
Italian Image Institute

Potrebbe interessarti

Sanremo 2017: i look della prima serata

Postato il febbraio 8, 2017

I falsi miti dell’abbronzatura

Postato il luglio 3, 2017

Articolo precedenteCappotti autunnali: tutti i trend 2017-2018
Articolo seguentePantone Primavera 2018: guida ai trend cromatici

Nessun commento

Lascia un commento