In STYLE

Come portare le calze a rete (con stile)

Dalle passerelle allo street style, passando per i Social, sono tutti pazzi per le fishnet: le calze a rete!

In realtà sono un grande classico (anche piuttosto seducente), rispolverate oggi da tutti i brand, da Dolce & Gabbana fino a Zara.

Con la gonna o con i pantaloni, ma soprattutto sotto i jeans, sembra che questa stagione non ne potremo fare a meno…

Ecco quindi qualche idea di outfit per portare le calze a rete con stile:

 

CON I MOCASSINI

Con i mocassini potete portare le calze a rete lunghe oppure i calzini corti. In ogni caso, con i pantaloni o con i jeans, sono ideali per la media stagione!

 

CON LE SNEAKERS

Anche con le sneakers, potete scegliere calze a rete lunghe o corte. In particolare, con la gonna o i minidress userete i calzini, mentre con i jeans strappati sceglierete i collant.

 

CON GLI STIVALETTI

Adoro l’abbinata con minigonna e stivaletti! Conservano il fascino delle calze a rete, ma sono comprare viagra originale decisamente più grintose.

 

CON LE DECOLLETE

L’abbinamento più classico resta quello con le décolleté. Ricordate: il tacco stretto vuole la rete stretta; il tacco largo vuole la rete larga.

 

CON I SANDALI

Le calze a rete mettono d’accordo quelle che amano i saldali con le calze e quelle che invece li detestano, perché la coprenza è ben diversa rispetto ai soliti collant.

 

CON GLI ANFIBI

I classici restano sempre Doc Martens, ma qualsiasi modello va bene per un look grunge. Lo strappo (dei jeans o della calza stessa) ha un effetto ancora più grintoso.

 

CALZE A RETE LARGA O STRETTA?

Come scegliere le fishnet in base alla propria silhouette? Il mio consiglio è: se avete gambe esili scegliete una rete larga; se avete gambe più tornite puntate sulla rete stretta.

 

E a proposito di calze a rete, potrebbe interessarvi anche il mio post Calze sì o no: questo è il dilemma.

Rossella Migliaccio
Consulente di Immagine

Potrebbe interessarti

Articolo precedenteOscar 2017: tutti i look (e gli stilisti) della serata
Articolo seguenteLa ricetta dello stile: cosa hanno in comune moda e cucina?

Nessun commento

Lascia un commento