Cannes 2016: il meglio e il peggio