In LIFESTYLE, STYLE

La mia opinione (controcorrente) sulle divise Alitalia

In questi giorni non si parla d’altro: le nuove divise Alitalia hanno sollevato un vero e proprio polverone.

Ho letto tanti giudizi al veleno, che trovo francamente esagerati e fuori luogo. Ma si sa, fa più notizia una critica che un apprezzamento

Prima di sparare sentenze però, bisognerebbe considerare la situazione in una chiave più analitica e complessa. Mi spiego meglio.

 

UNA DIVISA È UNA DIVISA

Ok, se devo giudicare le divise Alitalia come normali abiti, non le trovo particolarmente belle: diciamo che non le indosserei per uscire o per andare a lavoro, ecco.

Ma la funzione di una divisa non è soltanto estetica: deve rispondere a dei codici di abbigliamento che vanno oltre il mero taglio e colore. È il dress code, bellezza.

Tanto per citare alcuni requisiti necessari:

  • deve essere seria e professionale
  • deve essere riconoscibile e coerente con i valori dell’azienda
  • deve essere comoda, per chi conduce un lavoro comunque stancante
  • deve vestire donne di età e corpi molto diversi

divise Alitalia 1

 

IL FATTORE CULTURALE

Chi viaggia spesso sa benissimo che alcune compagnie aeree prestano una maniacale attenzione al personale di bordo: selezionano solo ragazze giovani e di bella presenza. Le divise (e persino la parte beauty) sono molto curate, per dare un’immagine piacevole e attraente.

Paragonare le divise Alitalia a quelle di queste compagnie aeree sarebbe ingiusto, perché si tratta perlopiù di società mediorientali ed asiatiche, che hanno storicamente e culturalmente un’idea della donna diversa da quella occidentale.

Non a caso, le compagnie aeree europee e americane prevedono tutte un dress code serio e restrittivo.

È più corretto quindi, confrontare le divise Alitalia con quelle delle altre compagnie di bandiera europee (British Airways, Air France, Lufthansa) e, francamente, trovo che le nostre siano più carine e briose.

 

I TEMPI CAMBIANO

Un tempo, quando non esisteva il concetto di politically correct, i criteri di selezione per il personale di bordo comprare viagra in ungheria erano molto chiari: bisognava essere belle, alte, magre e giovani (con tanto di numeri e misure da rispettare).

Di conseguenza, anche le divise erano più ammiccanti e femminili: vestivano donne che erano praticamente delle modelle, senza porsi troppi quesiti etici.

Alitalia 1950 - 2016
Alitalia 1950 – 2016

Parliamoci chiaro: un abitino attillato e ammiccante, che sta bene solo su una taglia 40, che reazioni avrebbe suscitato al giorno d’oggi? Un putiferio molto peggiore: dalla Boldrini ai sindacati, sarebbe venuta giù l’Italia!

 

MODELLO E COLORI

Fatte le premesse di cui sopra, credo sia superfluo il mio parere sulla divisa in sé. Ma, visto che non si parla d’altro che delle calze verdi, mi esprimo anche su questo:

  • Il modello è effettivamente un po’ castigato, ma lo trovo comunque grazioso per una divisa e facilmente declinabile su diverse fisicità.
  • Gli accessori sono molto carini: guanti, cappellino e borsetta danno un tocco lady-like, che si distingue dal look scontato (e anche un po’ sciatto) di altre compagnie europee.
  • Le calze. Quale sarebbe l’alternativa, quelle color carne ortopediche che si vedono in giro? No, grazie: preferisco l’audacia del colore, anche se non piace a tutti.
  • I colori sono quelli della nostra bandiera. E per questo a me piacciono. Ma purtroppo noi italiani non ci distinguiamo per Amor Patrio…
  • Il logo. Una cosa che ho apprezzato, è l’uso discreto del logo. La riconoscibilità viene affidata appunto ai colori e alla scelta degli accessori, senza strafare.
Lo stilista Ettore Bilotta e le divise Alitalia da lui create
Lo stilista Ettore Bilotta e le divise Alitalia da lui create

 

Questo è quanto, amici: considerando i punti di cui sopra, per me le divise Alitalia sono promosse.

La mia ovviamente non è una sentenza, è soltanto una delle varie opinioni che leggerete sul web.
Però ci tenevo a dissociarmi dalla bufera e a dare il mio piccolo contributo.

Rossella Migliaccio
Consulente di Immagine

Potrebbe interessarti

10 office Fashion Faux Pas

Postato il aprile 1, 2016

Come vestirsi a un matrimonio di mattina

Postato il aprile 27, 2016

The timeless charm of the camel coat

Postato il ottobre 26, 2016

Articolo precedenteC'era una volta la prova costume
Articolo seguentePride, amore e fantasia

4 Commenti

  1. Roberta Saviano
    1 anno ago

    Ciao Rossella,
    Sono pienamente d’accordo con te!
    Ci pensavo anch’io , queste divise , tanto criticate, non sono poi così male considerando il fatto che devono adattarsi a diverse forme fisiche ! I colori sono quelli della nostra bandiera e mi fa onore e piacere , per quanto riguarda le calze , quelle verdi fanno un pó Hulk , ma credo che sia una combinazione studiata per lasciar immediatamente intendere che si tratta di una hostess !
    Anche secondo me questa divisa è vincente !!!

    Reply
    1. rossellamigliaccio
      1 anno ago

      🙂

      Reply
  2. Federica
    1 anno ago

    Cara signora Migliaccio, lei potrà anche essere una Image Consultant, ma si vede che di aviazione conosce poco.
    Tutti i suoi “diktat” sono molto ipotetici, sopratutto quello che dice che la divisa deve essere comoda. Sono assistente di volo da 10 anni e di comodo io non ho mai indossato niente. E la maggior parte dei modelli non sta bene a tutte, tantomeno i colori.
    So che non si puo accontentare tutti, ma se fossi uno stilista guarderei più a disegnare una divisa elegante ma sopratutto PRATICA.
    La manica a tre quarti è molto chic, come la giacchina corta, ma mi dica lei dopo aver chiuso una ventina di cappelliere o aver spostato vari container nella galley quale possa essere il risultato.
    La longuette sarà sicuramente comodissima quando si ha un caso medico e si è inginocchiati a fare il massaggio cardiaco (si, succede molto più spesso di quanto si possa pensare).
    E le calze… Beh le orrende calze a compressione graduata sono quelle che salvano la nostra salute, quindi non le boccerei.
    So che il suo è stato un commento puramente estetico, come tutti quelli che ho letto negli ultimi giorni, ma ogni tanto sarebbe cosa buona chiedere le opinioni degli “insider”!
    Una buona giornata a lei.
    Federica

    Reply
    1. rossellamigliaccio
      1 anno ago

      Buongiorno Federica,
      si, in effetti di aviazione conosco poco e ho molto rispetto per il vostro lavoro.
      Non ci sono dubbi: il modo piu’ comodo per viaggiare e’ la tuta, ma sa meglio di me che bisogna sempre trovare un compromesso…
      Tenendo conto che deve vestire diversi tipi di donna, mi sembra che questa divisa sia tutto sommato carina.
      Quanto alle calze, la capisco benissimo: e’ salute (cercando di unire anche un po’di estetica 😉 )
      Insider o outsider, non si poteva comunque accontentare tutti…
      Quello che contestavo era proprio la ferocia delle critiche: non sara’ perfetta (nulla lo e’), ma neanche l’orrore che hanno descritto in tanti.

      Reply

Lascia un commento