In STYLE

Guardaroba maschile: i 10 Must NOT Have

Dopo il successo del mio post sui capi femminili da NON avere nell’armadio, è la volta dei signori uomini.

Ecco dunque la lista nera dei pezzi che non dovrebbero comparire nel guardaroba maschile:

 

LA CAMICIA A MANICHE CORTE

La camicia è un capo essenziale, perfetta in ogni occasione. Lo stesso non si può dire però, della versione con maniche corte. Non è adatta per l’ufficio (a meno che non vogliate seguire le orme del rag. Ugo Fantozzi) e nemmeno per il tempo libero. Bocciata anche per la spiaggia.

 

SCARPE A PUNTA

Certo, una scarpa leggermente sfinata ingentilisce il piede ed è mediamente più elegante del carrarmato. Però scarpe e, peggio ancora, stivaletti a punta sono improponibili, sia da lavoro che per altre occasioni. Ricordano tanto i personaggi dei film di Vanzina.

 

OCCHIALI A SPECCHIO

Ogni anno, c’è puntualmente qualche marchio che propone gli occhiali con lenti a specchio. Il problema è che, qualunque sia la montatura, questi occhiali renderebbero tamarro anche il principe di Galles. Se poi lo specchio è anche colorato, beh allora non c’è speranza…

 

CATENA D’ORO

Cari amici particolarmente legati alle tradizioni, ascoltatemi: i regali di battesimo, comunione e cresima, vanno conservati nella scatola dei ricordi. No, la catena d’oro non fa macho. È roba da Scarface o Il Padrino. Come dire, non mi sembra il caso.

 

CALZINI BIANCHI, CORTI, ECC.

A voi può sembrare un dettaglio da poco, ma i calzini dicono molto dell’uomo che ci troviamo di fronte. Da lavoro e per le occasioni più formali, si usano lunghi in filo di Scozia; per il tempo libero, al massimo quelli Gallo, a righe colorate. Non classificati: comprare viagra generico in italia calzini arrotolati alla caviglia, bianchi, sbiaditi, bucati, corti.

 

LA CANOTTIERA

Siete un modello di Dolce & Gabbana? Ok, passate al punto successivo.
Per tutti gli altri, la canottiera è un no! Né come maglia della salute che si intravvede sotto la camicia, né per dormire. In generale, ve la sconsiglio se cercate una fidanzata.

 

MARSUPIO, BORSELLO E ALTRE AMENITÀ

Cellulari, tablet, portafogli, agende, … Lo so, avete tante cose e non sapete più dove metterle. Ma questo non giustifica l’uso del marsupio o del borsello (con tanto di tracolla, magari). Non ci provate: quelli griffati e super logati, non fanno altro che peggiorare la situazione.

 

SANDALI ESTIVI

Mi riferisco in particolare ai sandali in pelle o cuoio, presentati come eleganti, “per uscire”. Li portava Carlo Verdone in Grande Grosso e Verdone, nell’episodio in cui interpretava il coatto, ricordate? Anche in questo caso, il logo (Paciotti, Hogan & co.) non aiuta.

 

PINOCCHIETTO

Personalmente apprezzo molto i pantaloni corti da uomo, abbinati ad una camicia di lino e un paio di mocassini. Il pantalone a pinocchietto però, non appartiene a questa categoria: ha quella inconfondibile lunghezza tra polpaccio e caviglia, che lo rende un pantalone ideale per… la pesca.

 

COSTUME SLIP

Ogni tanto, al mare, capita di vedere qualche personaggio audace, che sfoggia il suo costumino slip. Posto che è a dir poco imbarazzante come modello, il vero problema è un altro: non dona agli uomini magri, né a quelli sovrappeso, né a quelli molto muscolosi. Sta bene solo a David Gandy.

 

Se volete scoprire tutti i segreti del guardaroba maschile, date un’occhiata al mio corso di Personal Styling For Man.

Rossella Migliaccio
Consulente di Immagine

Potrebbe interessarti

Lo stile non è una questione di budget

Postato il novembre 4, 2015

Perché non commento il look di Melania Trump

Postato il novembre 8, 2016

Articolo precedenteCoprire le occhiaie? Una soluzione per ogni tipo
Articolo seguenteTecniche di vendita: come ci convincono a comprare?

2 Commenti

  1. Chiara Francesca
    9 mesi ago

    😂😂😂 splendido! D’accordo su tutta la linea 😂😂😂

    Reply
    1. Rossella Migliaccio
      9 mesi ago

      Ahahah! Un po’ cattivo, ma quando ci vuole ci vuole 😀

      Reply

Lascia un commento