In LIFESTYLE

L’Inferno di Dante ai tempi dei Social

Il web ci ha davvero cambiato la vita in meglio, ma a volte navigando sui Social mi sembra di essere all’Inferno di Dante.

E chissà in quali gironi ci collocherebbe Dante se passasse in rassegna i vari soggetti che popolano la Rete…

Ho provato a immaginarlo ed ecco cosa ne è uscito:

 

I cerchio – Limbo

PUNIZIONE: non vengono puniti per i loro peccati, ma non possono neanche accedere al Paradiso.

CHI CI ANDREBBE OGGI: quelli che si collegano più volte al giorno per visualizzare i profili altrui, ma non postano mai nulla.

 

II cerchio – Lussuriosi

PUNIZIONE: sono travolti dalla bufera infernale, come dalla passione che li travolse in vita.

CHI CI ANDREBBE OGGI: quelli che tampinano qualunque donna che trovano sul web! Ma inserirei in questo cerchio anche i profili di coppia: quelli che annullano la propria identità personale (seppur virtuale) per fondersi completamente nell’altro…

 

III cerchio – Golosi

PUNIZIONE: sono immersi nel fango, battuti da pioggia e grandine e straziati da Cerbero.

CHI CI ANDREBBE OGGI: quelli che condividono continuamente foto di cibo, spesso con immagini disordinate e poco invoglianti.

 

IV cerchio – Avari e Prodighi

PUNIZIONE: condannati a spingere enormi massi e a ingiuriarsi gli uni con gli altri.

CHI CI ANDREBBE OGGI: quelli che postano foto solo per ostentare: ricchezza, viaggi e lifestyle. Inutile sottolineare che l’ostentazione di solito è inversamente proporzionale alla realtà dei fatti.

 

V cerchio – Iracondi, Accidiosi e Superbi 

PUNIZIONE: gli iracondi sono immersi nella palude Stige; gli accidiosi (non ti curar di lor…) ne sono sommersi.

CHI CI ANDREBBE OGGI: tra gli iracondi, quelli che ogni giorno lanciano frecciatine contro ignoti e contro presunti invidiosi… Tra gli accidiosi invece, potremmo trovare quelli che passano la vita a stalkerare storie e profili altrui, senza mai mettere un like o un commento… Tra i superbi infine, vanno citati i superdotati di ego, che ci deliziano con decine di selfie al giorno, in ogni posa e situazione. Ma anche chi vuole ostentare cultura e presunta superiorità socio-economica.

 

VI cerchio – Eretici ed Epicurei

PUNIZIONE: sono chiusi in sepolcri infuocati e sorvegliati da diversi tipi di diavoli.

CHI CI ANDREBBE OGGI: non è un peccato grave, ma uno spazio va riservato senz’altro ai “buongiornissimi“. Vengono diffusi con le migliori intenzioni, ma intasano bacheche e gruppi WhatsApp in modo diabolico.

 

VII cerchio – Violenti

PUNIZIONE: Il settimo cerchio è diviso in tre gironi, con diverse pene relative al fuoco.

CHI CI ANDREBBE OGGI: gli indignati di professione, autori di post passivo-aggressivi che riguardano politica, sport e qualsiasi argomento di attualità. La loro violenza verbale è paragonabile a quella fisica e spesso la istigano per davvero.

 

VIII cerchio – Fraudolenti

PUNIZIONE: nelle diverse bolge vengono puniti con diverse pene a seconda della condanna.

CHI CI ANDREBBE OGGI: con un’interpretazione molto moderna dell’Inferno di Dante, inserirei gli autori di catene di Sant’Antonio, test, giochini e fake news.

 

IX cerchio – Traditori

PUNIZIONE: si trovano nel più profondo dell’Inferno di Dante, insieme a Lucifero e Giuda.

CHI CI ANDREBBE OGGI: tutti coloro che hanno un profilo falso, qualunque sia lo scopo.

 

Ho dimenticato qualcuno? E voi, chi collochereste nell’Inferno di Dante? 🙂

Se avete bisogno di un Virgilio che vi guidi, non perdete il prossimo corso di Personal Branding con Tommaso Sorchiotti.

Rossella Migliaccio
Italian Image Institute

Potrebbe interessarti

Quel giorno che è morta Lady Diana

Postato il agosto 30, 2017

Quella strana paura di tagliare i capelli

Postato il gennaio 23, 2017

Articolo precedenteTendenze sposa 2018
Articolo seguenteLe 10 regole di stile che ci ha insegnato Gira la Moda

3 Commenti

  1. Roberta
    7 mesi ago

    Troppo divertente e profondamente azzeccati ruoli e situazioni ! Ironicamente veritiera !

    Reply
  2. Rossella Migliaccio
    7 mesi ago

    Grazie, Roberta!
    Che inferno!!!

    Reply
  3. Flavia
    6 mesi ago

    sono pienamente d’accordo con te.

    Reply

Lascia un commento